Tutte le news

08/07/2018
Legge 104, all’abuso consegue il licenziamento
17/03/2018
Investigatori privati a colloquio con il Garante Privacy Europeo
02/01/2018
Assegno divorzile: la revoca dell’assegno decorre dal passaggio in giudicato della pronuncia di scioglimento del matrimonio
11/10/2017
Se lei è economicamente autosufficiente, l’assegno va rideterminato
02/09/2017
Legittimo il pedinamento per molti giorni effettuato da investigatore privato assoldato dal datore di lavoro
31/01/2017
Legge 104 - maggiori tutele ma attenzione agli abusi - Come e quando utilizzare i permessi dopo la Cassazione
06/12/2016
Legittimo l’accertamento dello stato di malattia del lavoratore effettuato con investigatore privato
12/10/2016
Abuso dei permessi legge 104: controlli investigativi e licenziamento
11/01/2016
Lavoratore: legittimo il pedinamento con investigatore e gps
23/09/2015
Infedeltà: contro i tradimenti basta il detective senza testimoni.
18/11/2014
Cassazione: le prove raccolte da un investigatore privato sono valide in causa di separazione
08/07/2018
Legge 104, all’abuso consegue il licenziamento

dirittoegiustizia.it

Confermato in via definitiva il provvedimento adottato da un’Azienda sanitaria nei confronti di una dipendente. Per i Giudici è evidente l’abuso del diritto compiuto dalla lavoratrice. Irrilevante il fatto che ella sia stata assolta in sede penale. (Corte di Cassazione, sez. VI Civile - L, ordinanza n. 8209/18; depositata il 4 aprile) Sfruttare ripetutamente i ‘permessi’ previsti dalla legge 104/1992 può costare il posto di lavoro. Esemplare il licenziamento – ora definitivo – di una dipendente di un’Azienda sanitaria.